«Fino a giugno solo Sampdoria»

Anno nuovo, maglia vecchia. Fabio Quagliarella non vuole cambiare aria, la Sampdoria gli sta bene addosso ed è pronto a rifiutare anche Milan e Inter per completare la stagione con la casacca blucerchiata. In estate arrivato come ruota di scorta, oggi Quagliarella è l'idolo della gradinata Sud, dopo le 9 reti realizzate in questa prima parte di campionato che lo hanno consacrato come bomber di stagione della squadra di Novellino: «Siamo riusciti a superare il momento di difficoltà e a migliorare la posizione in classifica che stava diventando difficile. Predicavamo continuità e l'abbiamo ottenuta: ora dobbiamo giocare come abbiamo fatto a dicembre, peccato solo per la partita di Catania che ci ha visto penalizzati solo dagli episodi, non per il gioco».
Si apre una nuova fase del calcio mercato: Milan e Inter tentano la Sampdoria che non vuole cederti a nessuno e per nessuna cifra, tu sei tentato?
«Di ufficiale non so niente, ho letto tutto sui giornali. Chiaro che certi accostamenti ti lusingano, ma il desiderio è di giocare con questa maglia, che ritengo già quella di una grande squadra, almeno fino alla fine del campionato. Poi a giugno vedremo cosa succederà, intanto voglio risolvere la questione comproprietà: non è bello stare a metà tra due società».
Novellino non cambia modulo e per metterti in campo con Flachi ti ha fatto cambiare ruolo.
«L'importante per me è giocare: farei di tutto per essere in campo ogni domenica. Il mister mi sta provando in quella zona e per ora male non va. Vedremo andando avanti, io mi metto a disposizione».
Due impegni importanti alle porte, fondamentali entrambi per l'Europa: la coppa Italia e la Fiorentina. La Samp è attrezzata per centrale il traguardo Uefa?
«L'organico c'è tutto, ma non possiamo correre troppo pensando a dove eravamo solo un mese fa: ragioneremo partita dopo partita. Guardiamo ai prossimi impegni e tra qualche settimana vedremo di che pasta è fatta questa Sampdoria. Teniamo alla gara con il Chievo in coppa perché è un traguardo prestigioso che non sottovalutiamo, ma la partita con la Fiorentina saprà regalarci stimoli ancora più forti: i viola sono usciti da una situazione difficile e si stanno dimostrando una big del campionato».
Sul fronte mercato, sabato, prima della partita amichevole con lo Spezia (biglietti in vendita ai botteghini del "Picco", al costo di 8 euro, venerdì pomeriggio dalle 16 alle 19 e sabato dalle 9 alle 15), ci sarà un incontro tra l’amministratore delegato Marotta, il presidente degli aquilotti Ruggeri e il procuratore Martina, per parlare di un eventuale trasferimento di Bazzani allo Spezia. Voci di mercato danno il Toro interessato a Delvecchio e la Reggina a Foti. La squadra tornerà ad allenarsi oggi.