"Finora solo promesse, ma è questa la ricerca del futuro"

Antonino Di Pietro, il dermatologo dei vip: &quot;Pillole, pomate e lozioni alle staminali sono una truffa. Per il semplice fatto che queste cellule non possono sopravvivere fuori dal loro ambiente&quot;<br />

«Sciocchezze, bufale. Purtroppo l’elisir della giovinezza non esiste. Non ancora. Il problema è farlo capire a tutti quelli che si lasciano ingannare dai falsi messaggi. Donne e uomini mi chiedono dove si acquistano le “famose” pillole americane «alle staminali» che tolgono le rughe. Quelle che hanno sentito dire “usano attori e personaggi famosi”. “Nessuno le ha ancora inventate”, rispondo. In caso contrario ci sarebbe un Nobel in più per la medicina».
Antonino di Pietro, professore universitario e direttore del servizio di dermatologia dell’ospedale di Inzago è tranchant.

E smorza le illusioni create, non si ben perché, da un anomalo ma soprattuto falso battage mediatico. Il nuovo spot del terzo millennio: sempre giovani, belli per sempre. Nel suo studio milanese per sottoporsi a filler all’acido ialuronico o miracolosi trattamenti anti età passa più di un vip nostrano. Ma la regola vale per tutti: la staminale che ringiovanisce non c’è. Esiste invece il bluff.

«Parlare di creme o lozioni magiche alle staminali è una bugia grande come una casa - puntualizza Di Pietro -. E il perché è presto detto: questo tipo di cellula è molto delicata, per vivere necessita di condizioni particolari. In parole semplici sono delicatissime. Buttate in una crema piuttosto che in una pillola morirebbero immediatamente».

Eppure si parla di studi avanzati in materia. «Certo - dice - il futuro sta proprio in questo tipo di ricerca. Forse qualche laboratorio potrebbe già essere in una fase sperimentale. Il problema da risolvere è questo: iniettare staminali anti rughe vorrebbe dire trasformarle in cellule della pelle. Il che è possibile, anche se mi risulta che sull’uomo l’esperimento non sia ancora stato fatto. Si corre il rischio che la 'trasformazione' possa avvenire in modo anomalo, per esempio tumorale».

Occhio poi alle «medicine» o agli unguenti miracolosi anti età. «Spesso- spiega il professore- si tratta di banali integratori dietici o farmaci che si forniscono qualche aiuto ma che non si possono assumere perennemente. Si parla tanto dell’Amatokin. Ebbene, esiste un gel, ideato per aiutare a risolvere le cicatrici provocate dall’acne e che si è scoperto funzioni anche per eliminare le microrughe. Favorendo la ricrescita dell’epidermide riempie le zampe di gallina. E anzichè 190 dollari ne bastano 29 per comprarlo in farmacia».