Il finto maresciallo era un truffatore vero

Si spacciava per maresciallo dei carabinieri mostrando un finto tesserino di riconoscimento. Con la scusa di controllare se le banconote erano vere se le faceva consegnare dagli anziani e una volta ottenuti i soldi scappava. Autore del raggiro, scoperto dai carabinieri di Rivarolo, un giostraio di 45 anni di Mondovì, in provincia di Cuneo, residente in un campo nomadi del capoluogo piemontese.
L’uomo riusciva a farsi consegnare somme che andavano dai 250 ai 500 euro a volta. In alcuni casi è riuscito anche a convincere le vittime ad andare in banca e prelevare i soldi, che poi regolarmente si faceva mostrare. Le truffe fin ora accertate sono tre, ma i carabinieri non escludono che il giostraio possa avere raggirato altri anziani della zona.