Finto santone spillava soldi ai suoi «adepti»

Spillava soldi ai suoi «allievi» per impartire loro lezioni di esoterismo e li costringeva a prendere psicofarmaci più volte al giorno. Il presunto santone è stato però arrestato ieri dalla Guardia di Finanza a Cortebrugnatella, un piccolo centro situato a circa 70 chilometri da Piacenza. Roberto Busceti, questo il nome del sedicente «guru», portava capelli grigi e lunghissimi e una barba altrettanto folta, che contribuivano a dare credibilità alla sua figura di santone e amestro di vita. Su di lui ora grava l’accusa per circonvenzione di incapace e truffa aggravata. La sua attività illecita continuava da molti anni, sina da quando aveva fondato la «Libera Facoltà di Scienze Antiche per lo studio dell’esoterismo, dell’astrologia e dell’occultismo», ente ufficialmente non a scopo di lucro, di cui era presidente ed unico docente. Secondo gli investigatori, più che aiutare chi si rivolgeva a lui, «esercitava forti pressioni psicologiche prospettando loro gravi malattie o incidenti mortali qualora si fossero allontanati dalla facoltà o avessero trasgredito le regole di vita o i comportamenti di ispirazione divinache egli stesso dettava». E tra le varie osservanze da rispettare c’erano il versamento delle quote di iscrizione all’ associazione esoterica (variabili a seconda dell’osservanza delle regole della comunità), il pagamento delle singole lezioni e del materiale di supporto. Soldi che il «maestro» usava invece per fini «esclusivamente personali».