Fiona May ora aiuta i connazionali a integrarsi in Italia

RomaLa prima volta fu una scommessa. Ora è la conferma di un successo. Quando la Rai puntò su Fiona May, pluripremiata campionessa di salto in lungo, nonché signora dal fisico gradevole e dall'allure positivo, non poteva prevedere che Butta la luna (la fiction che nel 2007 trasformò l'atleta in attrice) risultasse addirittura il maggior ascolto della stagione. Oltre 8 milioni di spettatori motivano, insomma, la seconda serie che da stasera, in prima serata su Raiuno, intreccerà altre tredici puntate attorno alla storia di Alyssa, donna nigeriana giunta in italia con una bambina, frutto del suo amore per un tecnico italiano in missione nel suo Paese, e alle prese con le quotidiane difficoltà dell'integrazione. E accanto alla May, una nuova, non meno insolita presenza: Lola Ponce, la bellissima cantante e attrice argentina rivelata in Italia dal musical di Riccardo Cocciante Il gobbo di notre Dame, e quindi vincitrice del festival di Sanremo 2007 in coppia col collega di palcoscenico Giò di Tonno. Intanto, dalla prima serie di Butta la luna - che, come questa, è tratta da un libro Maria Venturi, e diretta dal regista Vittorio Sindoni - sono passati circa vent'anni. Alyssa è ormai definitivamente integrata nella nostra società, aiuta gli altri immigrati di colore ad ambientarsi nella loro nuova vita, e si appresta a sposare Attilio, l'avvocato che l'aiutò all'inizio della sua avventura (Andrea Tidona). La figlia dalla pelle bianchissima, Cosima (Chiara Conti), è invece diventata psicologa, lavora presso il Tribunale dei Minori, ed è innamorata di un avvocato che è anche - guarda caso - il figlio di Attilio (Giampaolo Morelli). Almeno fino al giorno in cui l'avvocato non s'invaghirà di una bellissima cliente: una donna argentina accusata d'omicidio che viene chiamato a difendere. Inutile dire che la conturbante incriminata ha le fattezze di Lola Ponce. La quale si dichiara emozionata e felice del debutto nel mondo delle fiction televisive italiane. Altre new entry saranno Giuliano Gemma, nei panni del padre di Cosima, e Roberto Farnesi, in quelli del funzionario dell'Ufficio stranieri. A commentare bonariamente il tutto, come sempre, lo sguardo ironico del portiere Nino Frassica.
Quali i motivi dell'imprevedibile successo di Butta la luna? Secondo i realizzatori, «un avvincente mix tra commedia e dramma; fra istanze sociali e intrecci in puro stile melò». Ma nel conto va messa anche la presenza della May; che col suo italiano faticoso e stentato, con quello sguardo eternamente sgranato sulle assurdità della vita, invece di spiazzare gli spettatori pare abbia suscitato grandi simpatie. Il bis della serie potrebbe spingerla a mettersi alla prova in altri progetti televisivi.