Fiore all’occhiello i motori della serie Cursor

La parte meccanica del Trakker è dominata dai motori Cursor, fiore all’occhiello di tutte le gamme, stradali compresi. Si tratta dei modelli 8 e 13 (rispettivamente 7.79 e 12.88 litri), con potenze massime comprese tra 310 e 500 cavalli.
Il più piccolo dei due è declinato nelle potenze 310, 330 e 360 cavalli (il primo è disponibile solo sui carri a due assi). Il Cursor 13 è disponibile da 410, 450 e più recentemente anche 500 cavalli, per i tri e quadriasse dedicati a impieghi speciali. Nuova la ventola di raffreddamento, introdotta per soddisfare la maggior richiesta di ventilazione tipica degli Euro 5 Scr. Per quanto riguarda le cabine, il Trakker ha in gamma sia l’Active Day (corta con tetto basso), sia l’Active Time (lunga con tetto basso o medio), entrambe derivate e modificate da quelle dello Stralis.
I fianchi retroporta della Active Time (che di serie offre il preriscaldatore con bocchette posizionate dietro i sedili) sono stati rifatti per far posto a un capiente gavone sul fianco copilota, che si aggiunge a quello già presente sul lato guidatore: sono entrambi caratterizzati da un meccanismo d’apertura elettrico, come sul New Stralis.