Fiorello: «Berlusconi nel mio show? No, preferisce Apicella»

«Berlusconi ospite nel mio show? Ma ti pare che abbia il tempo di venire da me quando deve fare promozione al disco di Apicella?». Fiorello liquida con una delle sue strepitose battute la gag del giorno messa in piedi da Massimo Giletti per fare parlare un po’ della suo programma: durante l’Arena, parlando del prossimo programma del comico, aveva adombrato l’ipotesi che pure un grande politico avrebbe partecipato. Fiore, preoccupato che il suo show venga mischiato nelle beghe politiche, ha telefonato in diretta in studio e scherzando con Giletti ha smentito: «Niente politica, viva il varietà. Io credo che se puntassi tutto sulla satira politica arriverei ultimo». «Oggi - ha concluso - i politici li vediamo ogni giorno, c’è satira politica, c’è Crozza, il re della satira in assoluto che è Guzzanti. Quindi io penso che il pubblico da me non si aspetti quello ma si aspetti il più grande spettacolo dopo il weekend». Comunque tutto fa brodo per alimentare l’attesa del programma più atteso della stagione: in titolato Il più grande spettacolo dopo il weekend partirà il 14 novembre dal mitico studio 5 di Cinecittà per quattro lunedì. Ma - anche per gli enormi costi - si vocifera che ci potrebbero essere più puntate. Il budget è di 12 milioni di euro, dei quali a Fiorello vanno 300mila a puntata.
Numerose le star che Fiorello ha chiamato a partecipare. Il numero 1 del tennis mondiale Novak Djokovic sarà ospite nella prima puntata, con Giorgia e i Negramaro. Confermato anche Michael Bublè nella seconda puntata, con il quale lo showman ha già duettato live in tv e virtualmente nei teatri di tutta Italia, mentre nella terza, sul fronte musicale, è attesa Elisa. Nel quarto appuntamento ci sarà Jovanotti, come ha lui stesso confermato su Twitter e una delle band internazionali più amate, i Coldplay. Potrebbe arrivare anche Tiziano Ferro, fresco di pubblicazione del nuovo album. Nella prima puntata Fiorello porterà su Raiuno anche Cesare, Dante e tutti «i giovani» dell’edicola da cui quotidianamente gira con il suo telefonino la rassegna stampa su Twitter, già diventata un cult. Sulla rete si rincorrono indiscrezioni e leggende: dalla trattativa con Lady Gaga all’apparizione in tv della super latitante Mina. Prodotto in collaborazione con Ballandi Entertainment, è scritto da Fiorello e Giampiero Solari. La direzione musicale è del fidato maestro Enrico Cremonesi, le coreografie di Daniel Ezralow. La scenografia di Gaetano Castelli è imponente così come lo studio.