Fiorello e Marco Baldini strepitosi nel primo show radio-televisivo

In onda in contemporanea su Raiuno e Radiodue, i due hanno riproposto lo show che è diventato un culto. Ospite d’eccezione Lelio Luttazzi

Laura Rio

Doppiamente strepitosi. In onde medie e sul tubo catodico. Fiorello e Marco Baldini, per l’occasione in smoking, ieri sera hanno dato vita a un grande esperimento di stereo-visione. Simpaticissimi e brillanti, hanno intrattenuto il pubblico in contemporanea in radio e in televisione. Nei tre quarti d’ora di show (sforando i trenta minuti previsti) dopo il Tg1 hanno riproposto le gag che hanno reso famoso il loro programma in «fm» e improvvisato sui fatti di attualità, dalla Finanziaria alla visita del Papa in Turchia.
Si è trattato di un esperimento, un test che, dopo la valutazione degli ascolti, si deciderà se riproporre. Già il titolo la diceva lunga: «Viva Radiodue... e un po’ anche Raiuno».
I due hanno preparato l’evento (che doveva essere una sorpresa ma la notizia è trapelata sui giornali) con interventi nelle varie edizioni del Tg1. Poi la partenza in radio alle 20,15, in attesa del collegamento dagli studi di via Asiago con Raiuno. Alle 20,45 sono apparsi con i loro faccioni agli spettatori del primo canale. Prima gag spettacolare su Gianni Morandi, diventato «cattivo» in occasione del suo ultimo show (su consiglio dell’autore del programma Diego Cugia che voleva togliergli di dosso l’immagine da eterno ragazzo). «Sei andato a prendere il latte? Si, ma l’ho portato rancido...» Presa in giro continuata sempre sull’onda delle sue canzoni più celebri: «Sono così cattivo che in autostrada vado a trecento all’ora...».
Ma tutto il radio-show è stato spassoso. Fiorello ha dato un assaggio dei cavalli di battaglia che chi segue la sua trasmissione sul secondo canale conosce bene: dall’imitazione del presidente Napolitano in angoscia per il Napoli, a quella di Mike Bongiorno allergico ai bambini del quiz Genius, allo scrittore Camilleri che farà morire il commissario Montalbano di «fumo passivo». Preso di mira anche il direttore di Raiuno Fabrizio Del Noce (cosa per lui consueta) seduto in prima fila: «Dopo Raiuno, ti manderanno ad Animal Planet, divisione accoppiamenti». Spazio anche a Gabriella Germani con le sue perfette imitazioni di Monica Bellucci, Alessandra Mussolini, Emma Bonino e Hunziker. Ospite Lelio Luttazzi che per Fiore ha fatto un’eccezione ed è apparso in Rai dove mancava da 35 anni.
Da raccontare anche quello che si è sentito solo in radio prima di accendere le telecamere. «È il primo show che Ballandi non si fa pagare», ha scherzato Fiorello riferendosi al noto produttore televisivo. E, accennando al piccolo screzio con Raitre perché lo speciale di Raiuno ha fatto concorrenza a Che tempo che fa, Fiore ha detto: «Di questo programma sono contenti tutti: Raiuno, Raidue... Raiquattro, Raicinque», saltando ovviamente Raitre. E poi le due nuove imitazioni: Barbara Palombelli e Umberto Eco. Be’, quello di ieri sera è stato un assaggio... da oggi si riprende la programmazione normale su Radiodue, in attesa di altre incursioni in Tv.