Fiorentina, che brivido Livorno perde e contesta

nostro inviato a Firenze
Pioggia, cinque gol, la follia di Lucarelli che si fa espellere dopo un quarto d’ora e quella della Fiorentina che nel finale rischia di dilapidare il triplice vantaggio. Finisce 3-2 per i viola, ora secondi in classifica. La squadra di Prandelli parte bene, l’incertissimo arbitro Ayroldi punisce Lucarelli nel contrasto in area con il difensore viola Pasqual (l’azione resta comunque dubbia) e poi gli mostra il cartellino rosso. «Mi ha detto tre volte “sei scandaloso”», è il labiale in tv dell’arbitro. Il giocatore non conferma, precisa anzi di aver solo detto «è scandaloso non dare un rigore così». Alla fine ci sarà un chiarimento tra i quattro ufficiali di gara, Lucarelli e il presidente Spinelli (che ha annunciato il prolungamento del suo contratto fino al 2010, ma l’attaccante smentisce). L’espulsione spiana la strada ai viola in gol al 27’ con Toni, al 35’ con una prodezza di Jorgensen e al 15’ della ripresa con Pazzini. Nel finale Galante e Morrone riaprono le speranze labroniche, ma è troppo tardi. Una curiosità, nell’intervallo la terna arbitrale ha cambiato divisa, inzuppata dalla pioggia.