La Fiorentina ci prova con l’altra Liverpool

da Liverpool

Deve aver paura solo delle sue paure, la Fiorentina che oggi affronta l’Everton nel ritorno degli ottavi di coppa Uefa. Con il 2 a 0 di sei giorni fa ha messo un piede nei quarti, ma la Liverpool dei «Blues», meno blasonata di quella dei cugini, non molla facilmente. L’allenatore David Moyes ha provato a scaldare il clima: «All’andata - ha detto - i nostri tifosi sono stati trattati veramente male. Mi è dispiaciuto, ma forse è il calcio italiano. Ora i nostri possono davvero fare una grande differenza». Non fa affidamento solo sui tifosi l’Everton, che ha recuperato Arteta e attraversa un buon momento in campionato. La Fiorentina invece deve rinunciare a Semioli, Liverani, e soprattutto a Mutu, infortunato. Un’assenza che peserà là davanti, dove al posto di un Pazzini con luna storta per gli errori con il Siena dovrebbe giocare Vieri.
Prandelli non rinuncia al 4-4-3: «Questi sono campi difficili - ha detto - in casa gli inglesi si trasformano, ma noi scenderemo in campo cercando di fare gol. Siamo pronti per questa sfida». Il suo unico dubbio è su Kroldrup (ha la bronchite). Sicuri in difesa Gamberini e Ujfalusi, e a centrocampo Donadel, Kuzmanovic e Montolivo.
Sempre stasera (ore 20.45 diretta tv su Sportitalia) a Monaco il Bayern ospita l’Anderlecht in un altro «ottavo».