La Fiorentina non è ancora grande

I viola dominano a Messina per un tempo, ma sciupano tutto in 4 minuti di black out

Nel primo tempo Fiorentina bella, nel secondo distratta. Nel primo tempo Messina assente, incapace di qualsiasi trama di gioco, nella ripresa squadra trasformata. Giusto il pareggio: due reti per parte, anch’esse divise per tempo: nei primi 45 minuti è andata a segno la Fiorentina con Toni (5’) e Bojinov (41’), nella ripresa i padroni di casa in soli quattro minuti hanno risposto con Di Napoli e Zoro, al 12’ e al 16’. Sul finire il Messina ha pure avuto l’occasione buona per vincere la partita con la solita rovesciata di Zampagna, cui Frey ha risposto miracolosamente.
Sarebbe stato troppo perché nel primo tempo, quando i viola dettavano legge, Storari era stato l’eroe della partita con strepitose parate su Toni, Bojinov e Jorgensen. Nel secondo tempo Mutti ha cambiato le carte e dall’inserimento di Iliev, il Messina ha cominciato a organizzarsi fino a trovare, con l’entrata di Sculli e Muslimovic, la distanza e l’assetto giusti tra i reparti per concludere in parità una gara che sembrava decisamente avviata verso la goleada viola.