Firenze, agli Uffizi trovato un foro in una tela del '600. Il responsabile sarebbe una turista distratta

Secondo i filmati delle telecamere di sicurezza, la tela "Menzogna" di Salvator Rosa, autore del '600 napoletano, sarebbe stata danneggiata da una visitatrice distratta che prima vi si era appoggiata sopra

Firenze - Nei musei vale la regola "guardare e non toccare". Eppure nella sala del Verone degli Uffizi di Firenze, un'incauta turista si è addirittura appoggiato a un capolavoro del '600 napoletano in esposizione, danneggiandolo. 

Un foro nella Menzogna  Il danno, notato dal personale di vigilanza del museo - come spiega una nota dei carabinieri per la tutela del patrimonio culturale -, consiste in un foro circolare nella parte inferiore dell’opera. Si tratta di "Menzogna" di Salvator Rosa, esposto nell'ambito della mostra "Filosofico amore e meravigliosa speditezza - la pittura napoletana del Seicento dalle collezioni medicee", inaugurata a Firenze lo scorso 19 giugno.

Le indagini Dalle prime ricostruzioni è emerso che il foro è stato provocato  involontariamente da un visitatore dopo l'apertura mattutina del museo. "Le immagini - spiega la nota dell'Arma - hanno chiaramente messo in luce che una turista, nelle prime ore di apertura del Museo, si appoggiava incautamente sulla tela menzionata, fatto che plausibilmente escluderebbe le ipotesi di dolo". La conferma arriva dall'analisi sui filmati del circuito interno degli Uffizi effettuata dai carabinieri.