Firenze, cancellata la cittadinanza al Duce La Mussolini: «Patetici»

Si sono svegliati un po’ tardi ma insomma... Con tutti i problemi di oggi andare a spulciare negli archivi, trovare un atto comunale che insigniva della cittadinanza onoraria Benito Mussolini e poi annullarla con un provvedimento ufficiale lascia di stucco. Eppure è avvenuto ieri a Firenze. Sì perché quella onorificenza fu concessa il 19 giugno 1923 e da allora fu dimenticata. Chissà che non se ne siano accorti inserendo nell’albo dei cittadini onorari il nome del papà di Eluana Englaro... Sia come sia, la nipotina del Duce, Alessandra Mussolini, ha detto la sua: «Sono patetici. Se ne sono accorti un po’ tardi che mio nonno Benito era stato cittadino onorario dal 1923. Firenze rimane per me una città bellissima, ci andrò lo stesso e ci andrò presto. Però in molti non dovrebbero occuparsi di politica ma di altro come turismo, qualità della vita, traffico, anziché per queste cose tutt’altro che prioritarie».