La firma di Cahen sul caffè da salotto

La macchina per il caffè verde o rossa ha vinto premi come il Red Dod Award

Michela Orefice

Crediamo che non esista italiano che non sia interessato al caffè. Così di macchine destinata alla sua preparazione ne sono state prodotte una vera infinità, sempre alla ricerca della crema perfetta. È da centro anni, da quando Luigi Bezzera inventò la macchina per l'espresso, che ci si pone la domanda su quale sia la tecnologia migliore per un espresso ideale. Su alcuni elementi sono tutti d'accordo: l'acqua superiore ai 94° bruciacchia il caffè e un processo di preparazione della durata superiore ai trenta secondi conferisce alla bevanda un gusto legnoso e amaro. Anche con macchine avanzate la preparazione dell'espresso rimane tuttavia una equazione con molte incognite. Per trovare una soluzione adeguata la società Nestlé ha sviluppato capsule con caffé macinato fresco, abbinate ad una procedura per l'estrazione che risale a ben trent'anni fa. Ecco allora il sistema Nespresso, macchina e capsule che permettono di preparare un caffè con un aroma pieno e con una densa crema color nocciola. Generazioni di designer l'hanno ricercata a lungo e con un colpo di genio Antoine Cahen e il suo team l'hanno creata, ricevendo una serie di riconoscimenti come il Red Dod Award in Germania, un Oscar de l'Exceptionelle in Svizzera, un Chicago Athenaeum negli Stati Uniti e un Industry Award in Inghilterra. «Essenza Nespresso», nei colori Frutto della Passione e Verde lime è venduta a 169 euro in tutto il mondo da questo mese. Informazioni al numero verde 800.392029 oppure su www.nespresso.com