Fischer a Ciampi: «L’Alto Adige è un non-tema»

Gli altoatesini volevano essere inseriti nella nuova Costituzione di Vienna

da Dresda

Il presidente austriaco Heinz Fischer, in dichiarazioni all'agenzia Apa da Dresda, dove partecipa al vertice dei presidenti europei, ha definito «eccellenti» le relazioni con l'Italia e un non-tema quello dell'Alto Adige, ritornato all'attenzione questi giorni.
«Le relazioni bilaterali sono eccellenti in tutti i loro aspetti», l'Alto Adige non è più un tema, ha dichiarato dopo un incontro bilaterale con il presidente Carlo Azeglio Ciampi in margine alla riunione.
Il colloquio fra i due presidenti è durato 45 minuti e fa seguito al rinvio della visita di Stato di Ciampi a Vienna prevista per i primi di marzo. Secondo quanto riferito dalla stampa giorni addietro, all'origine del rinvio ci sarebbero state irritazioni da parte italiana per il dibattito in atto in Austria su una riforma della Costituzione con la proposta di includere nel preambolo la funzione di garante di Vienna dell'autonomia dell'Alto Adige.
Nella questione si erano inseriti 113 sindaci e vicesindaci altoatesini, i quali avevano scritto una petizione all’Austria chiedendole di inserire nella Costituzione o nel suo preambolo «il ruolo di tutrice» verso la sua minoranza in Italia. L’iniziativa era stata oggetto di una richiesta di spiegazioni da parte del commissario del governo di Bolzano, Giuseppe Destro.
Secondo le parole di Fischer, il colloquio con Ciampi si è svolto «in un'atmosfera eccezionalmente amichevole e allegra» e su tutti i temi si sono trovati d'accordo.
«Constatiamo che le nostre relazioni bilaterali sono assolutamente serene e poggiano su basi solide: non sussistono problemi». Alla domanda se anche il tema Alto Adige sia definitivamente archiviato, Fischer ha risposto: «Non l'ho affatto percepito come tema, a livello di presidenti non è mai stato un tema, abbiamo riscontrato totale consenso», ha ribadito. Le dichiarazioni di Fischer sono state considerate, secondo fonti italiane vicine a Ciampi, «un gesto distensivo,da apprezzare in quanto tale». Fra gli argomenti discussi, i Balcani, il Kosovo, la Costituzione Ue e, alla luce del conflitto sulle caricature del Profeta, il rapporto sensibile fra Europa e Islam.