FISCO, DOPO CORTINA TOCCA A MILANOBLITZ NEI LOCALI DELLA MOVIDA

Attorno alle 18:30 è scattata simultaneamente l'azione di controllo di duecento agenti. Questa volta sotto la lente dell'Agenzia dell'Entrate sono i finiti i locali più frequentati del capoluogo lombardo da Corso Como ai Navigli, da via Vittor Pisani a Corso Vercelli.<strong> GUARDA <a href="/video/il_blitz_fisco_milano/id=fisco_controlli?" target="_blank">IL VIDEO</a></strong>

Dopo Cortina e Roma tocca a Milano. Questa volta a finire sotto la lente dell'Agenzia dell'Entrate è la "Milano da bere" dei locali più affollati del sabato sera. Quasi duecento agenti in borghese, coadiuvati dalla polizia municipale, hanno passato al setaccio un centinaio di locali (probabilmente 118, ma il dato non è ancora certo), tra bar e ristoranti. Nel mirino degli ispettori le zone più frequentate della città: Corso Como, via Vittor Pisani, Corso Vercelli e la zona dei Navigli. Un sabato sera diverso, all'insegna della verifica fiscale e della caccia ai "furbetti dello scontrino".

Il controllo è partito simultaneamente a ridosso dell'orario di apertura, verso le 18 e 30, ed è proseguito fino alle due di notte. Sette ore passate in prossimità delle casse per confrontare la differenza tra l'incasso di una serata "monitorata" come questa rispetto agli altri sabato sera. Nel giorno degli "spettacolari" controlli di Cortina gli incassi di negozi e ristoranti salirono del 400 per cento. Per poter vedere i dati di Milano dovremo aspettare ancora qualche giorno.

Nel blitz, come era già successo anche nella Perla delle Dolomiti, sono state fermate anche della automobili di grossa cilindrata per acquisire informazioni e incrociare i dati dei proprietari delle vetture con le loro dichiarazioni dei redditi.

Tranquillità e collaborazione, sono queste le reazioni dei gestori dei locali meneghini. "È giusto che facciano i controlli per vedere chi è in regola", ha commentato Luca Sassi, giovane gestore del locale Spritz Navigli. "Sono arrivati alle 18.30 e hanno detto che andranno via alle due di notte. Noi siamo in regola e lo saremo sempre. E chi è in regola non teme nessuno". Sulla stessa lunghezza d'onda Alessandro Provolo amministratore della società che gestisce la birreria "Kapuziner" in zona Navigli: "Presumo che vogliano verificare gli incassi di stasera con quelli di sabato scorso. Noi siamo tranquilli, verificheranno che l'incasso è in linea".

Dopo il blitz di Natale a Cortina è toccato a Portofino e alla Capitale. Il quarto capitolo della caccia all'evasore va in scena nella Milano del sabato sera e molto probabilmente non sarà l'ultimo.