Il Fisco «guadagna» 209 milioni dai liguri

È pari a 209 milioni di euro l’ importo incassato in Liguria nel 2007 dall’attività di controllo dell’Agenzia dell’Entrate. Di questi, 105,3 milioni arrivano dalla riscossione di ruoli e 103,7 milioni di euro da versamenti diretti. Tra questi ultimi, rende noto la stessa Agenzia, spiccano 68 milioni di euro riscossi a seguito di attività di accertamento e controllo formale, con un incremento del 36% rispetto al 2006. Il bilancio dell’Agenzia comprende 30 verifiche effettuate su soggetti di grandi dimensioni (+15% rispetto al 2006).
Anche le verifiche sugli altri soggetti sono cresciute, passando da 309 nel 2006 a 402 nel 2007 (+ 30%). Rispetto all’ anno precedente, è stato contestato maggiore imponibile ai fini delle imposte dirette di circa 80 milioni di euro (+9% rispetto al 2006) e ai fini Irap di oltre 53 milioni di euro (+22%). Significativi, spiega ancora l’Agenzia delle Entrate, anche i controlli nei confronti dei soggetti che avevano dichiarato una perdita: sono stati emessi ben 577 accertamenti, che, a fronte di una perdita dichiarata complessiva di 90 milioni di euro, hanno rilevato una minor perdita pari a quasi 27 milioni di euro. Sostanzialmente stabile rispetto al 2006, al 67%, l’indice di definizione relativo ai controlli sostanziali imposte dirette, Iva e Irap. Gli accertamenti definiti passano da 7.390 a 9.499 nel 2007 (+29%), mentre la maggiore imposta definita per adesione e per acquiescenza sale del 30% rispetto allo scorso anno, portando così nelle casse dell’erario 36 milioni di euro a fronte dei circa 28 milioni del 2006.