"Il fisco incassa solo il 7,4% dell'evasione"

La Corte dei Conti: aumentano gli introiti dalla lotta all'evasione ma oltre 92% delle somme iscritte a ruolo, non viene riscosso. Migliore, invece, è il risultato degli incassi relativi all'evasione "previdenziale"

Roma - Il fisco incassa di più dall'evasione fiscale ma, rispetto all'ammontare scoperto, non ancora abbastanza: "appena il 7,37% del carico netto erariale", cioé dell'evasione scoperta e iscritta a ruolo per essere richiesta, riesce effettivamente ad essere recuperata. Il 92,63% delle somme iscritte a ruolo, invece, non viene riscosso. Ad rilevarlo è la Corte dei Conti nel capitolo del "Giudizio del rendiconto generale dello Stato 2007" dedicato all'attività di riscossione dello Stato. I giudici amministrativi sottolineano comunque i miglioramenti registrati: solo il 4,38% delle imposte contestate riusciva ad essere effettivamente recuperato fino al 2006. Migliore, invece, è il risultato degli incassi relativi all'evasione "previdenziale": la percentuale di recupero era del 21,21% nel 2006 ed è salita al 22,95% del 2007.

Gli incassi effettivi dell'evasione fiscale e contributiva, pur rimanendo ad una percentuale molto bassa rispetto agli importi scoperti, sono migliorati notevolmente nell'arco degli ultimi anni. La crescita in soli tre anni è stata del 272%, passando dai 930 milioni del 2004 ai 3,46 miliardi del 2007. Solo tra il 2006 e il 2007 il miglioramento è stato del 71%.