Fisco Sommerso, alberghi e bar al primo posto

Quanto vale l’economia sommersa? Le stime valutano intorno al 16-17% della ricchezza nazionale prodotta: ma ci sono settori dove la situazione è decisamente più grave Nella classifica del lavoro nero, i primi sono alberghi e pubblici esercizi, con un sommerso pari al 56,8% del proprio valore aggiunto, gli ultimi credito e assicurazioni, unico settore sotto le due cifre con il 6,4%: in mezzo, un lungo elenco in cui troviamo, per fare gli esempi più eclatanti, il 52,9% del servizi domestici, leggi colf e badanti, il 32,1% del commercio e il 28,4% dell’edilizia. Grande assente, ovviamente, la Pubblica amministrazione. Ecco le cifre, settore per settore, che arrivano sui tavoli della riforma fiscale: benché elaborate dall’Istat su dati 2005, sono le più aggiornate a livello di dettaglio, e saranno sicuramente uno strumento chiave nella lotta all’evasione.
Entro fine aprile sono attesi i risultati dei quattro tavoli tecnici: ieri si è riunito proprio quello sull’«economia non osservata», guidato dal presidente dell’Istat, Enrico Giovannini.