Fitness e vela: i nuovi progetti firmati Corica

L’indiscrezione è trapelata in questi giorni ed è finita ieri su Repubblica in una pagina interamente dedicata all’argomento da Raffaele Niri: una cordata di imprenditori guidati dall’imprenditore Mario Corica, ex numero due della Fiera di Genova, ha rilevato la proprietà dello stabilimento balnerare dalla famiglia Rizzo e si appresta a realizzare una rivoluzione in riva al mare con un progetto presentato già al vaglio dell’amministrazione comunale. «Il Lido che verrà», questo il nome del progetto, prevede la costruzione di una base velica sul modello di quella realizzata a Valencia per la Coppa America, una spa, con centro di talassoterapia, un centro termale e un’oasi dedicata al fitness aperta tutto l’anno in grado di richiamare pubblico anche da altre regioni. L’investimento per la realizzazione del progetto è di 40 milioni di euro. L’idea del Comune è quella di spingere verso la realizzazione di un asse del benessere e del fitness che va dalle nuove piscine di Albaro fino al Lido con una rivalutazione complessiva di un buon tratto di corso Italia.
Il resto è storia. Cominciata quando il commendator Rinaldo Rizzo, imprenditore arrivato da Milano, aveva rilevato lo stabilimento creato dal figlioccio di Garibaldi, e lo aveva trasformato nel Nuovo Lido che faceva tendenza, frequentato da personaggi del calibro di Vittorio Gassman, Sophia Loren, Marisa Allasio, Gino Cervi e Walter Chiari. I fasti del passato sono molto lontani e negli ultimi anni anche la mondanità non ha tenuto in auge il Lido, restando confinata a una dimensione locale, non certo nazionale. ma il futuro potrebbe portare grosse novità, già fin dal prossimo anno.