Fiumicino, atterraggio d’emergenza per due caccia americani

Fuori programma, per fortuna a lieto fine, al Leonardo da Vinci di Fiumicino. Tutta colpa di un guasto tecnico a un caccia bombardiere americano «F16» che ha costretto l’aereo e un altro velivolo militare statunitense che lo seguiva ad atterrare con la procedura d’emergenza.
I due caccia, decollati nella tarda mattinata dalla base militare americana di Aviano in Friuli, stavano sorvolando lo spazio aereo nelle vicinanze della capitale, quando uno dei due velivoli ha subito un’avaria a uno dei due motori. Immediata la richiesta del pilota alla torre di controllo dello scalo romano per effettuare un’immediato atterraggio di emergenza. L’aereo assieme all’altro «caccia» è atterrato intorno alle 12,30 senza alcuna difficoltà sulla pista numero «3» dell’aeroporto, ed è stato costantemente sorvegliato da tre automezzi blindati dei carabinieri.
Una volta atterrato il velivolo è stato parcheggiato in una piazzola di sosta nelle vicinanze della «Cargo City», lontano dunque dalle normali attività aeroportuali e da eventuali occhi indiscreti. I piloti, seduti nelle vicinanze del velivolo, hanno atteso a lungo l’arrivo dei tecnici per le necessarie ispezioni tecniche e le riparazioni. In serata poi la decisione di rinviare le partenza per Aviano questa mattina nell’attesa che arrivino i ricambi che serviranno per riparare il guasto al motore dell’F-16.