Fiumicino, auto piomba sulla fermata del bus: falciate due donne e tre bimbe

Dopo l'incidente un tamponamento a catena, che ha coinvolto otto automobili. Tutte le vittime
aspettavano uno scuolabus diretto
a Maccarese: su di loro è
piombata un’auto poi finita in un fosso

Roma - Cinque vittime, tutte donne, tra cui una bimba di 10 anni. E 8 feriti. E' questo il bilancio del maxitamponamento di questa mattina a Fiumicino che ha visto coinvolte otto autovetture ha causato la morte di 5 persone, tra cui una bambina, e il ferimento di altre 8 persone. L’incidente stradale è avvenuto poco prima delle 8, nella zona di tra via Geminiano Montanari e via Idra. I mezzi coinvolti nell’incidente sarebbero otto. Il 118 è intervenuto subito dopo l’incidente con dieci ambulanze e un elicottero.

In attesa dello scuolabus Tutte le vittime dell’incidente stradale avvenuto a Fiumicino aspettavano a una fermata lo scuolabus diretto a Maccarese: su di loro, secondo una prima ricostruzione delle forze dell’ordine, sarebbe piombata un’auto poi finita in un fosso. Ne sarebbe seguito il maxi tamponamento che ha coinvolto otto auto. Tra le vittime dell’incidente di Fiumicino c’è un’intera famiglia. Giovanna Rozzica, una donna rumena che stava aspettando lo scuolabus con le due figlie, Bianca e Joana, di 7 e 13 anni, anch’esse decedute. Le altre due vittime sono una donna appena scesa dalla Toyota Yaris, e una bambina italiana che attendeva lo scuolabus. A quanto si apprende a provocare la carambola tra le cinque auto coinvolte, sarebbe stata una Fiat Stilo, il cui conducente è rimasto ferito, che arrivava a forte velocità. Sul posto non ci sono tracce di frenata.

La ricostruzione Le forze dell’ordine hanno fornito una prima ricostruzione dell’incidente. Il primo comandante generale della polizia stradale Roberto Campisi ha parlato di "tre scontri frontali in rapida successione. Sono stati coinvolti cinque veicoli, al momento risultano cinque vittime e nove feriti, l’incidente è avvenuto presumibilmente tra le 7,45 e le 7,50. Le vittime sono tre rumene, una donna di 32 anni e le figlie di 7 e 14 anni, una donna italiana di 37 anni e una ragazza di 13 anni che ancora non sappiamo se sia parente della signora". La dinamica nella prima ricostruzione che sta facendo la polizia è la seguente: "La Fiat Stilo ha impattato con il pick-up Mitsubishi - ha proseguito il comandante - e poi ha proseguito la sua corsa impattando prima con un cassonetto e poi con una Fiat 600. Il pick-up invece è andato a sbattere contro una Golf, la quale è andata a finire contro la Toyota Yaris che era parcheggiata sul ciglio della strada. Presumibilmente è stata la Golf a invadere il piazzale che penso provvisoriamente era stato adibito a fermata dello scuolabus. Non abbiamo trovato paline segnaletiche che indicano la fermata. Non ci sono tracce di frenata, le vittime erano tute in terra e non nelle macchine, quattro sono morte qui mentre una è deceduta in ospedale". A quanto risulta la Fiat Stilo "ha avuto diversi passaggi di proprietà, il guidatore dovrebbe avere una ventina di anni".

I feriti Considerato grave anche il quadro dei feriti che sono otto. All’Aurelia Hospital è ricoverata una persona che nell’incidente ha riportato vari traumi. Al San Camillo, altri due feriti gravi, uno dei quali, un ragazzino trasportato in elicottero, si trova in rianimazione. Alll’ospedale Grassi di Ostia sono ricoverate due persone alle quali è stato necessario effettuare una Tac. Mentre al Cto di Roma sono stati trasportati tre feriti in codice verde.