Fiumicino, inaugurato il nuovo Cash&Carry del gruppo «Maiorana»

Apre i battenti il quarto «Cash&Carry» del gruppo Maiorana. La sede del nuovo punto vendita è ubicata nell’area commerciale di Commercity, presso l’aeroporto di Fiumicino. Alla serata inaugurale che si è tenuta ieri erano presenti circa mille vip, tra i quali gente dello spettacolo, giovani industriali, politici di spicco. A farli sorridere uno spettacolo della «Banda del Bagaglino», andato in scena con la conduzione di Pippo Franco e Lorenza Mario. Tra i presenti anche monsignor Guerino Di Tora. Il direttore della Caritas di Roma ha plaudito l’iniziativa annunciata nell’occasione da Maggiorino Maiorana, che prevede di destinare all’ente diocesano i fondi necessari per la riqualificazione dell’ostello di Via Marsala «Don Luigi Di Liegro» (di fatto il più grande centro di accoglienza a Roma per i senza fissa dimora).
Oltre ai «Cash&Carry» dedicati ai servizi all’ingrosso, il Gruppo Maiorana gestisce diciannove supermercati, un iper e il centro commerciale Arca di Capena. «L’area di Roma Sud, come del resto il pezzo di litoranea che va da Anzio a Civitavecchia - spiega l’amministratore unico del gruppo Maiorana - costituisce per noi una zona di assoluto valore strategico, perché ci permette di servire in modo ottimale ed efficiente tutte le esigenze distributive della nostra clientela. Ora che è stata aperta quest’altra sede, che va ad aggiungersi a quella storica della Romanina e alle altre due presenti a Castel Giubileo e Guidonia, siamo finalmente in grado di coprire tutta la città.»
Venuti alla luce per la prima volta negli Stati Uniti, i «Cash&Carry» rappresentano una tipologia della grande distribuzione organizzata sempre più diffusa in Europa e in grado di offrire una formula che effettivamente va incontro ai bisogni della clientela dell’ingrosso. Quello inaugurato a Fiumicino si sviluppa su una superficie coperta pari a 15mila metri quadri, di cui un terzo è destinato alla vendita. Il bacino d’utenza stimato orbita intorno ai 15mila operatori commerciali (bar, ristoranti, alberghi, collettività, senza trascurare la distribuzione tradizionale). Con oltre 30mila referenze trattate, l’area di vendita ospiterà tutti i settori merceologici: dal «no food» ai surgelati, dal «grocery» alimentare e non fino alle celle dei freschi (formaggi, salumi, carne, pesce e ortofrutta). Sette le casse e più di 130 gli addetti, mentre il parcheggio può ospitare all’incirca 700 posti auto.