Fiumicino, nei piani 150 milioni per gestione dei bagagli e piste

Gli investimenti previsti nel 2008. Rinnovato il consiglio

da Milano

La messa a punto del Molo C entro il 2011 e l’allestimento di un nuovo Bhs, il sistema di smistamento dei bagagli in partenza dal Leonardo da Vinci, rappresentano il capitolo più «pesante» (80 milioni di euro), del pacchetto di investimenti di 149milioni di euro nel 2008, varato ieri dal consiglio d’amministrazione di Aeroporti di Roma.
Il progetto del nuovo Molo C, già presentato ufficialmente in Campidoglio, porterà alla realizzazione di una struttura con una capacità di 6 milioni passeggeri all’anno che si estenderà su una superficie di 78mila metri quadrati, dotata di 24 gate, di cui 16 serviti da pontili per l’imbarco e lo sbarco di passeggeri. Il costo totale dell’opera è pari a 179 milioni di euro: 25 milioni messi a disposizione dall’Enac, 40 già stanziati dallo Stato e il restante proveniente dall’autofinanziamento. I lavori inizieranno in autunno.
Il nuovo sistema di Bhs contribuirà a rendere più efficiente lo smistamento dei bagagli, scongiurando il ripetersi della disastrosa estate di cui è stato teatro il Leonardo da Vinci. Tra gli investimenti, poi, 40 milioni sono destinati all’adeguamento delle piste e dei piazzali di manovra degli aerei, 15 alle infrastrutture e 14 ai sistemi informativi.
Il cda che ha varato gli investimenti si è riunito dopo la conclusione dell’assemblea dei soci di Adr, che ha rinnovato il consiglio dopo le dimissioni dei membri di nomina dell’azionista Macquarie che in luglio ha ceduto le proprie quote a Gemina. Il nuovo cda ha nominato presidente Fabrizio Palenzona, vicepresidente Massimo Pini e amministratore delegato Maurizio Basile. Il cda ha anche preso atto delle linee guida per gli anni 2008-2017 che troveranno attuazione una volta adeguatamente definito il quadro regolatorio e tariffario.