Flachi: «Non indosserò mai un’altra maglia»

Federico Casabella

La Samp torna sui banchi di scuola. Suonerà oggi pomeriggio alle 17 al centro sportivo Mugnaini di Bogliasco, la campanella per la prima lezione ai giocatori blucerchiati di mister Walter Novellino. Si comincia con tanti volti nuovi, un gruppo da ricreare viste le tante partenze, ma gli stessi punti fermi: oltre a Novellino in panchina, appunto, Flachi e Volpi sul campo. E proprio l'idolo della gradinata Sud Francesco Flachi, ieri attraverso le pagine del sito internet della società ha lanciato un messaggio d'amore ai tifosi: «Resto qui fino a fine carriera» è stato l'attestato d'affetto lanciato dall'attaccante. Un messaggio chiaro che rimarca il fortissimo legame esistente tra il numero 10 e tutto l'ambiente blucerchiato. «Non mi ci vedo con un'altra maglia addosso», ribadisce Flachi che chiama a raccolta i tifosi galvanizzato da questo cambio radicale nel gruppo: «Sono andati via giocatori che hanno dato tanto alla Samp e con i quali ero molto legato - racconta-, ma penso fosse giusto cambiare un po', portare aria nuova».
i ricomincia, dunque, dopo una stagione al di sotto delle aspettative non solo per lui ma per l'intera Sampdoria. Un anno caratterizzato da tanti infortuni che hanno limitato la capacità della squadra di Novellino rimasta senza vittorie dallo scorso febbraio.
Una situazione che Flachi sembra già essersi messo alle spalle: «Venivamo da tre stagioni splendide, ce ne sta “topparne" una - spiega -, non siamo mica robot. Ora però si riparte abbiamo l'opportunità di giocarcela con tutti e di fare un bel torneo». Già giocarsela con tutte. Perché l'obiettivo stagionale della Sampdoria non è ancora delineato, non per mancata programmazione societaria ma perché molto dipenderà dall'esito del processo che coinvolge Juventus, Milan, Fiorentina e Lazio. Se venissero confermate le pene richieste dal procuratore federale Palazzi, con la retrocessione delle squadre coinvolte nello scandalo, la Samp potrebbe ambire a traguardi impensabili fino a poche settimane fa. Ecco perché la società blucerchiata non ha ancora chiuso il mercato.
E, proprio sul fronte dei nuovi acquisti, questo pomeriggio saranno nel gruppo anche Massimo Bonanni, 24 anni centrocampista e Christian Terlizzi, 25 anni difensore centrale, che ieri mattina hanno effettuato le visite mediche al centro Baluardo di Genova. I due arrivano con la formula della comproprietà dal Palermo, squadra alla quale è finito Aimo Diana. Con loro ad effettuare i test c'era anche Gianluca Berti. Il portiere, 39 anni, un passato nel Genoa e nell'ultima stagione prima ad Empoli poi alla Fiorentina, farà da secondo a Luca Castellazzi che, dopo la stagione come riserva di Antonioli, conquista i galloni da titolare ed avrà le spalle coperte dall'esperto portiere.
Intanto la Sampdoria ha reso nota la lista dei giocatori che prenderanno parte al ritiro di Moena. Tra i convocati figura anche Del Vecchio, centrocampista lo scorso anno in prestito al Lecce, che comunque dovrebbe lasciare Genova per approdare all’Atalanta. Regolarmente convocato Fabio Bazzani che si pensava rimanesse a Bogliasco per completare la rieducazione.