Flop mondiale di Cassina Bene Morandi

Dall’oro olimpico di Atene 2004 al tonfo mondiale di Melbourne 2005: Igor Cassina, signore della sbarra e capace di un esercizio unico al mondo, ha pagato pesantemente un errore (passo indietro in uscita della prova) e ha fallito la qualificaziuone per la finale, ottenendo appena il decimo punteggio. «L’esercizio di Igor - ha commentato il tecnico azzurro Fulvio Vailati - è stato buono anche se non ottimo come in altre occasioni. Purtroppo, quella sbavatura finale gli è costata due decimi di punto e la qualificazione». A Cassina non è bastato il recupero sul coefficiente di partenza, che in un primo tempo la giuria aveva valutato male.
Tra gli azzurri, buona la prova di Morandi agli anelli (terzo nelle qualificazioni con 9.612, dietro l’olandese Van Gelder e al russo Safoshkin) in una gara che ha sancito l’eliminazione di Tampakos e Jovtchev, rispettivamente oro e argento ad Atene davanti a Juri Chechi.