«Fo può battere Ferrante, siamo con lui»

Arriva anche il compagno Fausto Bertinotti a sostenere la campagna elettorale di Dario Fo. «Alle primarie partecipiamo per vincere» spiega il segretario di Rifondazione comunista, che non nasconde di avere «una riserva» sulla candidatura dell’ex prefetto. Fo è un anti Ferrante, «è il nostro candidato perché per storia e valori rappresenta la sinistra». E mentre ieri il segretario della Quercia Piero Fassino si intratteneva a cena con Ferrante e i volontari della Festa dell’Unità, Bertinotti animava una serata di confronto con Massimo Moratti, presidente dell’Inter e marito di Milly, anche lei per il momento candidata alle primarie. Il programma di Rifondazione prevede tra i primi punti «sospendere gli sfratti, calmierare gli affitti e in casi estremi sostenere le occupazioni come accaduto a Roma», in sintonia con le idee di Fo che oggi visita gli immigrati che hanno occupato lo stabile di via Lecco. Per Bertinotti, Milano ha bisogno «di un sindaco spiazzante che chieda un sovrappiù di energia e di partecipazione, che animi la società civile». E assicura: «Può accadere l’imprevisto e l’imprevedibile, può accadere come quando ha vinto Nichi Vendola in Puglia». Insomma, Dario Fo non è uno scherzo.