Fo si riavvicina all’Unione: «Vi faccio vincere, non lasciatemi solo»

«Voglio che vinca Bruno Ferrante e farò di tutto perché Letizia Moratti perda». Impegno firmato da Dario Fo che, in verità, dalle primarie dell’Unione ad oggi non ha certamente contribuito alla vittoria dell’ex prefetto. Ma c’è una spiega a quelle parole del nobile guitto: Fo si sente solo, «non fatemi sentire isolato» supplica alla convention per la cultura organizzata dai ds. Auspicio seguito da un invito, «non abbiate paura di chi rompe le scatole, perché sono quelli che vi fanno vincere». Come dire: io, Fo, che non sono un moderato e che, un giorno sì e l’altro pure, sbeffeggio l’aspirante sindaco del centrosinistra perché alleato con i poteri forti, be’, io «vi faccio vincere». E poiché i voti non hanno sapore, Ferrante ringrazia di cuore il premio Nobel: «Ringrazio Dario per il suo sostegno e trovo giusto il suo richiamo ad essere sempre più uniti. Ha ragione a richiamare tutti ad una maggior coesione, ma vedo che questa coesione in effetti c’è». Risultato, quello della «coesione», raggiunto in tempi record: appena, tre giorni fa, Ferrante, reclamava infatti un sostegno dai partiti dell’Unione. E il sostegno è arrivato: da settantadue ore Ferrante è sotto tutor, con tanto di sms dallo spin doctor.