Foggia gela gli entusiasmi: «Io alla Samp? Non so nulla»

Domani a Siena rientra Gasbarroni Foti, infortunato, resta a casa

Federico Casabella

«L'anno prossimo alla Sampdoria? Io non ne so nulla». Così ha risposto Pasquale Foggia, il centrocampista dell'Ascoli che veniva considerato già pedina della Sampdoria 2006/07. Una dichiarazione che frena gli entusiasmi dei tifosi blucerchiati che sognavano di vedere il giovane fantasista indossare la maglia della Samp.
Dalla fine della sessione del mercato di gennaio, infatti, si parla di Foggia come contropartita nell'ambito dell'operazione che porterebbe Diana al Milan, ma la volontà del giocatore sembra tutt'altra: «Il mio cartellino è di proprietà del Milan- ha dichiarato Foggia, convocato nella nazionale Under 21 in vista dell'amichevole che l'Italia giocherà contro il Portogallo martedì prossimo- e mi auguro di poter andare in ritiro con i rossoneri. Il mio futuro non è già deciso: ne dovrò parlare con la dirigenza milanista e non è da escludere che resti, tra l'altro volentieri, ad Ascoli». Un affare quindi ancora da definire per il prossimo mercato che Marotta ha già imbastito con gli arrivi degli svincolati Conti e Franceschini rispettivamente da Cagliari e Chievo.
Quello per arrivare al talento napoletano, però, di sicuro non è l'affare più immediato che la Samp deve sbrigare. Domani, infatti, i blucerchiati hanno una sfida delicata da giocare nella quale gli addetti al mercato c'entrano poco. A Siena, ci si gioca la rincorsa alla zona Uefa. Gara difficile sulla quale si è soffermato Andrea Gasbarroni, l'uomo di fascia che, tornato arruolabile dopo tre settimane di sosta forzata, Novellino potrebbe riproporre dall'inizio: «Ora sto bene: sono pronto a rientrare per dare il mio contributo. - ha detto Gasbarroni- La squadra è unita e l'obiettivo Uefa non ci deve sfuggire. Tra di noi c'è la voglia di conquistare una vittoria importante a Siena: è una di quelle partite che la Sampdoria non sbaglia». L'infermeria lentamente si svuota e, con «Gasba», a Siena potrebbero esserci anche Diana e Kutuzov, mentre Foti, leggermente infortunato, resta a casa. A dirigere la gara è stato chiamato Racalbuto di Gallarate.
E, a proposito di obiettivo Europa, giovedì sono terminati i sedicesimi di finale della Coppa Uefa: delle squadre che hanno eliminato la Sampdoria dal girone, ha raggiunto gli ottavi solo lo Steaua Bucarest che è riuscito ad imporsi sull'Heerenveen. Oltre al Lens eliminato dall'Udinese, è uscito anche l'Hertha Berlino che ha perso la doppia sfida con la Rapid Bucarest.
Infine, per la partitissima Sampdoria-Juventus ieri la vendita dei biglietti era a quota 2.400.