Folgorata a nove mesi dalla termocoperta

Una bimba di nove mesi è morta folgorata da una scarica elettrica probabilmente partita dalla coperta termica che era stata messa nella sua culla. È successo a Vigolo Marchese, una frazione del comune di Castell'Arquato, nel Piacentino. Ad accorgersi del dramma è stata la madre, ma all'arrivo dei soccorsi la piccola, che si chiamava Alice, era già morta. La bimba era in casa con la madre; il padre, autotrasportatore, era fuori per lavoro. La coppia ha un altro figlioletto, di due anni e mezzo. I primi accertamenti compiuti dai carabinieri della compagnia di Fiorenzuola d'Arda escluderebbero il dolo, mentre saranno le perizie a chiarire se il decesso è stato provocato da una scarica elettrica o dal surriscaldamento della termocoperta. Le indagini tendono anche a verificare la conformità dell'impianto elettrico dell'abitazione, una villetta in località Vigostano. Secondo i primi accertamenti la piccola non presentava - a quanto si è appreso - segni evidenti di bruciature, né ci sarebbero tracce di un possibile corto circuito. Sarà effettuata l'autopsia per appurare le cause del decesso. Il primo referto parla di «Choc cardiogeno dovuto a folgorazione».