Folla e applausi per il primo giorno di Scola

Da sant’Eustorgio al Duomo col solenne pontificale per ricevere dalle mani di Dionigi Tettamanzi il pastorale che fu di san Carlo. Angelo Scola è il nuovo pastore della diocesi ambrosiana e a consacrarlo è il grande applauso con cui lo abbraccia piazza Duomo al termine della celebrazione solenne in cattedrale. «Ho bisogno di voi. E non lo dico in maniera formale». In 8mila stipati tra le navate del Duomo, in 15mila in piazza. Lui cita le parole di Benedetto XVI quando gli ha consegnato il Pallio: «L'arcivescovo viene da Milano e tutto il suo cuore sarà per Milano». Saluta la Madunina, che è «come le mamme con i loro bambini».