Follia Si veste da Babbo Natale e fa strage: 9 morti

Storia di Natale di straordinaria follia in California: vestito da Santa Claus, un uomo di 45 anni ha bussato alla porta della casa degli ex suoceri mentre era in corso il cenone della vigilia e ha fatto strage. Bruce Jeffrey Pardo, un elettricista di 45 anni che aveva da poco perso moglie e lavoro, ha aperto il fuoco uccidendo nove persone prima di dar fuoco alla villetta tra le palme di Covina, un sobborgo middle class di Los Angeles. L’uomo si è poi tolto il costume da Babbo Natale ed è scappato a Sylmar, a 60 chilometri di distanza. Lì, nella casa del fratello, si è ucciso sparandosi un unico colpo di pistola alla testa.
La polizia di Los Angeles ha tentato di ricostruire la dinamica della strage: Pardo si era offerto volontario a servir messa nella parrocchia del Santo Redentore a Montrose ma a mezzanotte, quando i parrocchiani erano inginocchiati per la comunione, lui è andato a bussare a casa di Joseph e Alicia Ortega, gli ex suoceri. Quando una bimba di otto anni, la nipotina della sua ex moglie, gli ha aperto è stato l’inizio della fine. Pardo ha sparato in faccia alla bambina (che però è sopravvissuta), poi si è fatto avanti in salotto facendo fuoco contro i circa 25 invitati alla festa.
Diverse persone si sono salvate lanciandosi dalle finestre o riparandosi dietro ai mobili. Tra i morti, secondo la polizia, ci sarebbero i due padroni di casa e Sylvia, la ex moglie dell’assassino: nessuno dei cadaveri - l’ultimo è stato ritrovato oggi tra le macerie - è stato però ancora identificato con certezza: i resti sono completamente carbonizzati.
«Non riusciamo a credere che possa esser stato lui», ha detto incredulo Jan Detanna, il sacrestano della chiesa del Santo Redentore. I vicini di casa di Pardo hanno descritto l’uomo come «una persona molto carina» che decorava le loro case per le feste. E chi lo ha visto poche ore prima della strage ha detto che «sembrava perfettamente normale» e che aveva anche fatto gli auguri per le feste.