Fondazione Fiera Milano: 100mila euro per acquisire opere d'arte a miart 2016

Raddoppiato l'importo del fondo "Giampiero Cantoni". Benito Benedini: "L’iniziativa che si inserisce perfettamente nella filosofia che ha sempre contraddistinto il nostro modus operandi, sempre molto attento all'arte e alla cultura come al genio e alla creatività italiana". Confermati i premi Emergent e Herno

Per miart 2016, la ventunesima edizione della fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea di Milano, il Fondo di acquisizione Giampiero Cantoni raddoppia: dai 50.000 euro stanziati in passato, Fondazione Fiera Milano porta a 100.000 euro l’importo per acquisire fra gli stand di miart opere d’arte moderna e contemporanea che arricchiranno la collezione della Fondazione.

"La Fondazione ha deciso di raddoppiare l’importo del fondo perché si tratta di un’iniziativa che si inserisce perfettamente nella filosofia che ha sempre contraddistinto il nostro modus operandi, sempre molto attento all'arte e alla cultura come al genio e alla creatività italiana, in coerenza con le nostre finalità statutarie - ha annunciato Benito Benedini, presidente di Fondazione Fiera Milano -. Fin dalla sua prima edizione miart è sempre stato l’ideale punto di riferimento del settore, soprattutto per le enormi potenzialità di cui dispone e per i grandi numeri che ogni anno ne contraddistinguono lo svolgimento. E la nostra città è leader sia a livello nazionale, sia internazionale nel campo dell’arte e degli scambi artistici. Quest’anno, poi, la presenza di una giuria internazionale sempre più qualificata e autorevole ci fornisce ulteriori garanzie sulla validità dell’iniziativa che sta portando Fondazione Fiera Milano, al pari di altre grandi istituzioni sia pubbliche sia private, alla creazione di una propria collezione d’arte che ogni anno arricchisce il nostro patrimonio artistico”.

Una giuria internazionale composta da Benito Benedini, da Bettina Della Casa curatrice Museo della Svizzera Italiana di Lugano, Douglas Fogle curatore indipendente e critico di Los Angeles, co-fondatore del curatorial office Studio LBV, e Martin Germann senior curator dello S.M.A.K. di Ghent, avrà il compito di selezionare le opere che verranno acquisite.

“Si tratta di un importante riconoscimento da parte di Fondazione Fiera Milano - afferma Corrado Peraboni, amministratore delegato di Fiera Milano - che conferma e sottolinea la crescita del livello di qualità di miart".

E miart conferma per il 2016 la seconda edizione del Premio Herno, rinnovando l'intesa con la prestigiosa azienda di capispalla di lusso. Il premio, del valore di 10.000 euro verrà assegnato allo stand con il miglior progetto espositivo, pensato, allestito e curato in tutti i dettagli come una mostra e capace di coniugare elevate componenti di ricerca, qualità e accuratezza del disegno allestitivo. Una giuria internazionale formata da Lionel Bovier, da gennaio 2016 direttore del Mamco, Musée d’art moderne et contemporain di Ginevra, Anna Colin curatore associato alla Fondation Galeries Lafayette di Parigi e co-direttore della Open School East di Londra, Annie Fletcher curatore delle mostre al Van Abbemuseum di Eindhoven e Jens Hoffmann, deputy director e Head of Exhibitions and public programs al Jewish Museum di New York, avrà il compito di decretare lo stand vincitore.

Confermato anche il Premio Emergent, del valore di 4.000 euro destinato alla galleria della sezione Emergent più meritevole per la promozione di giovani artisti. Il premio verrà assegnato anche in questo caso da una giuria internazionale composta da Luis Silva co-direttore della Kunsthalle di Lisbona, Polly Staple direttore della Chisenhale Gallery di Londra e Mirjam Varadinis curatore alla Kunsthaus di Zürigo.

Immagini:
Art Direction & Graphic Design: Mousse
Photo Campaign: Bea De Giacomo
Concept & Set Design: Rio Grande
Styling: Rossana Passalacqua

Art Direction & Graphic Design: Mousse
Photo Campaign: Bea De Giacomo
Concept & Set Design: Rio Grande
Plexi: Compasso Design, Milano