Fondazione Mariani: nove milioni di euro nelle casse del Besta

Nove milioni di euro nelle casse dell’Istituto neurologico Carlo Besta: ancora la notizia manca dell’ufficialità, ma se i contatti intercorsi negli scorsi mesi tra l’Istituto e la fondazione Mariani - associazione non-profit che da anni partecipa attivamente alla vita del «Besta» - dovessero andare in porto, si aprirebbe una nuova stagione per l’ospedale nel campo della neuropsichiatria infantile nei tre settori cardine: assistenza, ricerca e formazione. «Da mesi stiamo lavorando su questo progetto - ammette il presidente dell’Istituto Besta Alessandro Moneta, interrogato al riguardo -: si tratta di un progetto di straordinaria importanza per il futuro della nostra fondazione, ma per rispetto nei confronti dell’iter burocratico (al quale devono dare parere positivo Regione, ministero della Salute e Comune), preferisco dare informazioni più dettagliate dopo l’incontro di oggi con i sindacati e quello di domani con il collegio di direzione». Timida ammissione da parte di Moneta che non si sbottona sui numeri ufficiali dell’operazione anche se il balletto delle cifre è già iniziato da tempo: si vocifera infatti che la partecipazione della fondazione Mariani porterà da subito nelle casse dell’istituto di via Celoria tra i 5 e i 6 milioni di euro, mentre ulteriori 3 milioni di euro verranno dilazionati nell’arco del prossimo quinquennio. «L’unica cosa che vorrei sottolineare - conclude Moneta - è che, nel caso la partecipazione andasse in porto, non verranno intaccate in alcun modo le finalità pubbliche della nostra fondazione. Anzi, ne usciranno avvalorate».
E a venir avvalorata sarà soprattutto l’attività clinica dell’istituto che nel 2006, nei 223 posti letto accreditati dal Servizio sanitario nazionale, ha trattato in ricovero ordinario 7256 pazienti (per il 53% residenti al di fuori della Lombardia) e 2256 pazienti in day hospital.