Fondazione Milan: in 11 anni 8,5 milioni per 90 progetti

I numeri potrebbero bastare da soli a dare l'idea di quanto abbia lavorato bene Fondazione Milan: in undici anni di attività, la public charity dell'Ac Milan ha raccolto circa 8 milioni e mezzo di euro per realizzare 90 progetti nei tre ambiti d'intervento - salute, educazione e sport - toccando ben sedici Paesi.
In realtà, la public charity del Gruppo Ac Milan si distingue in primis per il «calore» delle iniziative che spesso hanno come protagonisti i campioni rossoneri di ieri e di oggi. La Fondazione, nata nel 2003 con il semplice desiderio di fare qualcosa di buono per la collettività ed esprimere solidarietà con chi si trova in situazioni di disagio, è cresciuta notevolmente anno dopo anno.
Forte delle donazioni e del già citato impegno di chi lavora nel gruppo - Prima Squadra, Glorie e Staff - lo sforzo attuale è quello di creare impatto sociale positivo, sfruttando la potenza e i valori dello sport per combattere i problemi sociali più urgenti e sostenere lo sviluppo del potenziale delle persone, in particolare delle nuove generazioni. A supportare le iniziative ci sono anche personaggi non dello sport, tifosi della squadra rossonera: per esempio, nell'ultimo gala della Fondazione, lo chef Carlo Cracco ha messo all'asta una cena nel suo famoso locale milanese, con Kakà presente al tavolo. Risultato: ben 35mila euro donati da un gruppo di appassionati.