Una fondazione religiosa per il pio Tony Blair

Washington. Si chiama Faith Foundation ovvero Fondazione delle Religioni e viene presentata al mondo oggi, a New York, da Tony Blair. «In un’era di globalizzazione - ha affermato Blair - non c’è niente di più importante del portare persone di fedi e culture diverse a comprendersi meglio l’un l’altra e a vivere in pace e nel rispetto reciproco». Secondo l’ex primo ministro inglese, convertitosi al cattolicesimo lo scorso dicembre, la fede religiosa avrà nel XXI secolo la stessa importanza che l’ideologia politica ha avuto nel XX. La fondazione di Blair si è prefissata l’obiettivo di raccogliere fondi per centinaia di milioni di dollari destinati a finanziare progetti per la lotta alla povertà globale ma con un approccio che parta da un approfondimento che faccia della fede uno strumento che unisce e non un motivo di divisione. Questo non è il solo impegno preso. Blair si occupa anche di promuovere lo sviluppo economico palestinese e da settembre avrà una cattedra a Yale dove terrà un seminario sul tema fede e globalizzazione.