Il Fondo monetario lancia l'allarme sull'Italia: "C'è il rischio di un contagio sul debito sovrano"

Con il deterioramento del settore
bancario irlandese, nel novembre 2010 è scoppiata una nuova ondata
di turbolenze sul mercato. il Fondo: "I rischi sovrani si sono intensificati di
nuovo nei paesi periferici della zona euro, espandendosi ad altri
paesi, inclusi Belgio e Italia"

Con il deterioramento del settore bancario irlandese, "nel novembre 2010 è scoppiata una nuova ondata di turbolenze sul mercato. I rischi sovrani si sono intensificati di nuovo nei paesi periferici della zona euro, espandendosi ad altri paesi, inclusi Belgio e Italia". E' quanto afferma il Fondo monetario internazionale nel Regional economic outlook sull’Europa, sottolineando però che il rischio di un contagio "sull’economia reale è rimasta ampiamente confinata ai paesi colpiti" dalla crisi: Irlanda, Grecia e Portogallo.

Il contagio sul debito sovrano "I differenziali dei titoli di Stato sono saliti a livelli significativamente elevati rispetto a quelli registrati durante le turbolenze di maggio 2010", si legge nel documento che spiega come "questi sviluppi sollevino ulteriori proccupazioni sulla capacità dei governi periferici di di sostenere il settore bancario ancora debole, allo stesso tempo pesando sui bilanci delle banche che detengono significative quote di titoli di Stato". Per l’Fmi «questo ciclo avverso» nelle aree periferiche "ha minacciato di danneggiare in modo significativo i mercati". "Le pressioni sono diventate sempre maggiori in Irlanda ed hanno portato le autorità ad intraprendere un piano di aggiustamento sostenuto dall’Ue e dall’Fmi", si legge nel documento che ricorda come anche il Portogallo abbia chiesto un piano di slavataggio internazionale.