Fontane «dimenticate» preda dei saccheggiatori

Avrebbero dovuto allietare nonni e bambini con zampilli e giochi d'acqua, ma le lunghe vasche costruite all'interno del parco della Costituzione a Cinisello Balsamo, per Forza Italia, non sono diventate altro che un monumento di cemento nel verde di via Mozart. «Quasi una stele che ricorda l'indifferenza dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Angelo Zaninello» sottolinea Giuseppe Petrucci, capogruppo azzurro nel parlamentino cittadino. L’assenza del Comune, secondo L’esponente forzista, unita all'inciviltà dei cittadini, infatti, sarebbe alla base di un vero e proprio scempio.
Le fontane inutilizzate con il passare del tempo vengono depredate da ignoti che pezzo per pezzo le stanno smontando. «Forse per costruirsi una vasca con ninfee e pesci rossi nel giardino di casa» ironizza Petrucci.
Così giorno dopo giorno, si assiste al furto di un ugello, poi di un altro fino a quando qualcuno ha deciso di appropriarsi anche di metri di muretti e lastroni. Insomma una sistematica opera di depredazione e o ra delle lunghe vasche è rimasto ben poco.
«Quando sono state costruite - spiega il capogruppo azzurro - l'amministrazione ha detto che costava troppo mantenerle, così non sono state riempite d'acqua. Invece dei pesci al loro interno hanno trovato posto solo cartacce e rifiuti vari. È l'ennesimo esempio di come la maggioranza spenda “bene” i soldi dei cittadini». Durante il consiglio comunale, sollecitata dall'interrogazione di Forza Italia, l’assessore all’Ecologia, Rosa Riboldi, si è giustificata dicendo che il parco era stato progettato molti anni fa ma che l’amministrazione studierà una nuova soluzione per la zona dove si trovano le fontane.