Ford Focus cresce subito in potenza e sicurezza

da Torre d’Isola (Pavia)

L’aggiornamento della gamma Ford Focus non coinvolge minimamente l’aspetto delle vetture, che ricordiamo sono offerte in versioni berlina a tre e a cinque porte oltre che station wagon e monovolume (C-Max), ma si attua estendendo l’offerta solo a motorizzazioni in regola con le norme Euro 4 e introducendo due nuove unità turbodiesel Common rail. Alla base dell’offerta ora si colloca la 1.600 TDCi da 90 cv cui segue la 1.800 TDCi da 115 cavalli. Entrambe si affiancano alla 2.0 TDCi da 136 cavalli e all’immutata offerta di unità a benzina, composta dal 1.600 da 115 cv e dal 2 litri da 145 cv. I prezzi della nuova gamma Focus, grazie a un’iniziativa approntata con i concessionari Ford, partono da 14.950 euro - anziché 16.700 euro come prevederebbe il listino - della 1.6 TDCi a tre porte, salgono di 500 euro per la versione a cinque porte e di altri 500 euro per la station wagon per innalzarsi di altri 1.000 euro per la C-Max. Lo stessa «scalinatura» è applicata alle altre versioni, a cominciare dalla nuova 1.8 TDCi che nella configurazione d’accesso costa 16.200 euro.
Ma è interessante segnalare, come spiega il numero uno di Ford Italia, Massimo Pasanisi, che questa politica di prezzi non influisce su aspetti importanti come la sicurezza poiché «già la versione entry level 1.6 da 90 cv è stata approntata in un’unica versione completa di tutto quello che concerne la questo aspetto, tanto che include anche 6 airbag, Abs nonché piantone dello sterzo e pedaliera collassabili». È una dotazione destinata a valorizzare la personalità della 1.6 TDCi, che si prefigge di conciliare le buone prestazioni e il redditizio rendimento, impresso da una coppia di oltre 22 kgm a 1.750 giri al minuto, con percorrenze medie che, secondo il costruttore, si attestano a oltre 20 chilometri con un litro. Punta maggiormente a soddisfare chi pretende prestazioni vivaci e maggiore elasticità la Focus 1.8 TDCi, il cui motore è dotato anche di overboost che innalza temporaneamente la coppia da 28,5 a 30,5 kgm a 1.900 giri quando occorre più sprint, a fronte di percorrenze superiori a 19 chilometri con un litro.
Un risultato ottenuto grazie a inedite applicazioni tecniche, che spaziano dal nuovo sistema di iniezione Common rail ad alta pressione con iniettori piezoelettrici alla ridefinizione del sistema di ricircolo dei gas di scarico.