«La Forestale sull’orlo del baratro» Sit-in e cortei contro la Finanziaria

Roma. «Concorsi bloccati e annullati, incapacità di assumere i vincitori dei concorsi, risorse finanziarie e dotazioni tecnologiche inadeguate: la Forestale è sull’orlo del baratro». È il grido di dolore lanciato dal sindacato Ugl del corpo Forestale che ora ha indetto per il 15 novembre uno stato di agitazione del personale e un sit-in di protesta di fronte al ministero delle Politiche agricole con un corteo fino a piazza Santi Apostoli. Sarà questa l’occasione per protestare contro la Finanziaria. Da 15 anni «non venivano banditi concorsi per commissari e ispettori; la scelta scellerata di sospenderne lo svolgimento rischia di vanificare il lavoro e l’impegno dell’ex ministro Alemanno e di minare seriamente l’operatività dell’amministrazione, considerando che per l’immissione in ruolo dei commissari occorre aspettare il completamento del loro corso di formazione che dura due anni». A tutto ciò si deve aggiungere «il mancato svolgimento della Festa del Corpo, che oltre a far mancare al personale forestale di tutta Italia un importante momento di ritrovo e di confronto, ha il fine non troppo nascosto di delegittimarne i vertici».