Forleo, il Quirinale duro: "Mai pressioni sul Csm"

Il Colle smentisce presunte pressioni di Napolitano sul Consiglio superiore della magistrature per delegittimare il gip di Milano che si occupa della scalata di Unipol a Bnl. Le aveva denunciate Beha in una lettera a <em>Dagospia</em>

Roma - "Sono destituite di ogni fondamento le insinuazioni diffamatorie relative a presunte influenze esercitate dal Quirinale sul Csm in relazione a recenti decisioni del Consiglio stesso". Lo riferiscono fonti del Quirinale in riferimento a notizie di stampa. La reazione del Colle si riferisce ad una lettera di Oliviero Beha al sito Dagospia, nella quale il giornalista scrive di aver saputo dall’ex giudice Ferdinando Imposimato di "pesanti influenze sul Csm da parte dei coinvolti dei Ds e perfino del Quirinale affinché la Forleo venisse delegittimata".  

La lettera Il giornalista Oliviero Beha conferma una delle dichiarazioni più delicate di Clementina Forleo e spiega che l’ ex giudice Ferdinando Imposimato gli parlò in varie occasioni di "movimenti per screditare la Forleo", circostanza però smentita dallo stesso Imposimato ai giudici di Brescia. "Più volte, prima e dopo l’ estate - ha scritto Beha in una lettera a Dagospia - Imposimato mi ha detto esplicitamente di pesanti influenze sul Csm da parte dei coinvolti dei Ds, il solito trio (adesso del Partito Democratico), e perfino del Quirinale, affinché la Forleo venisse delegittimata". Non basta. Il giornalista sottolinea che "con la delegittimazione della Forleo, sempre secondo Imposimato evidentemente uomo dotato di perfette capacità divinatori secondo quel che sta accadendo, ne sarebbe uscita depotenziata o addirittura nebulizzata l’ipotesi di reato sulle scalate bancarie concernente sia non parlamentari che appunto parlamentari, i tre Orazi e i tre Curiazi di destra e sinistra. E mai Imposimato me ne ha parlato come fossero sue supposizioni, ma sempre come informazioni ricevute".

Beha ribadisce Il giornalista ribadisce a voce quanto ha messo per iscritto: "Prima dell’ estate mi sono sentito dire da Imposimato che c’ erano stati movimenti per sconfessare la Forleo. Poi a metà settembre, quando il caso De Magistris non era ancora scoppiato, Imposimato me ne parlò in privato, alla vigilia di un dibattito organizzato a Roma nella sede dall’associazione nazionale Partigiani d’ Italia al quale parteciparono tra gli altri il magistrato Giovanni Salvi, il giornalista Marco Travaglio, l’ex ministro Giuliano Vassalli, esponenti del sindacato dei giornalisti, in cui fu espresso sostegno a Clementina Forleo". Beha, preoccupato che si stia trasformando il caso scalate bancarie in un caso Forleo, aggiunge: "Quando Imposimato mi parlò delle pressioni si mostrò anche fiducioso che il Consiglio Superiore della Magistratura non avrebbe ceduto a tali pressioni".