Formazione professionale: «patto» contro i 250 esuberi

I circa 250 lavoratori della formazione professionale lombarda che rischiano di essere messi in mobilità e di essere licenziati potranno ora contare sugli interventi di riqualificazione, di riconversione e di sostegno, anche economico, messi in atto dalla Regione Lombardia. È quanto prevede l'accordo, sottoscritto ieri mattina in Regione dall'assessore all'Istruzione, Formazione e Lavoro Alberto Guglielmo e dai rappresentanti delle organizzazioni regionali e di categoria (scuola) di Cisl, Cgil e Uil. Ha firmato l'accordo anche il rappresentante dell'Aef - Associazione Enti di Formazione. In base all'accordo, che l'assessore Guglielmo porterà all'esame e all'approvazione della Giunta regionale nella prossima seduta, la Regione trasferirà 4,9 milioni di euro al «Fondo di garanzia» promosso dall'associazione Elga (Ente lombardo garanzia per la formazione dei lavoratori), l'ente bilaterale per la formazione, costituito dalle organizzazioni sindacali e dagli enti di formazione. Il fondo contribuirà a realizzare interventi di formazione continua e permanente, rivolti all'aggiornamento, alla riconversione, alla riqualificazione e a interventi di sostegno, anche economico, per i lavoratori in crisi occupazionale.