Formello Ecco il primo torneo di «calcetto spirituale»

«Il vero miracolo? È' che funziona". Prendete 300 ragazzi circa, di tutte le età, di entrambi i sessi, normodotati ma anche segnati da gravi problemi (disabilità, droga, disagio familiare); uniteli in squadre miste composte per sorteggio, e fateli giocare a calcio con regole dallo spirito opposto a quello abituale (esempio: nessuno può fare più di tre gol, si gioca per il gruppo). Ecco il «Primo Triangolare della Spiritualità» dal 31 al 2 giugno a Formello. «Un modo diverso di giocare - spiega Massimo Vallati, uno degli ideatori -. Il calcio che assume un impatto sociale inedito». Al torneo si affiancano incontri con testimoni della solidarietà (don Luigi Ciotti e fratel Arturo Paoli, nominato dal governo israeliano «Giusto tra le Nazioni»).