«Formigoni abbandoni Lega e Fi»

La Margherita: «Apra all’opposizione per un vero riformismo»

«Parafrasando l’occhiello di un articolo apparso sabato su Il Riformista, direi che Formigoni ha molte chances e poco coraggio». Così Battista Bonfanti, coordinatore lombardo della Margherita, commenta la querelle nella Cdl su chi sarà il successore di Berlusconi.
«Formigoni non deve illudersi - ha detto Bonfanti - la sua esperienza di governo non gli offrirà alcun vantaggio nella corsa alla successione. Anzi, rischia di pagare dazio rispetto alle cordate di potere presenti in Forza Italia e collegate agli interessi extra-politici del Cavaliere». «Se vuole veramente disegnare per un’esperienza futura nuova, di stampo riformista - ha aggiunto - deve abbandonare Lega e Forza Italia e percorrere con coraggio strade nuove, certamente difficili ma non a fondo chiuso». «La prima occasione - secondo Bonfanti - potrebbe essere oggi, all’atto della presentazione del programma per la nostra legislatura. Se non vuole essere prigioniero dei ricatti, sempre più pesanti e anche sprezzanti della Lega, dovrà valorizzare il ruolo delle opposizioni nel nome di un sano pragmatismo, astenendosi da atteggiamenti pomposi e autoreferenziali assolutamente fuori luogo».
La presentazione del «documento programmatico regionale» per il prossimo quinquennio legislativo verrà presentato alle ore 10, in aula consigliare, dallo stesso governatore. I lavori proseguiranno con l’istituzione delle sette commissioni consiliari permanenti e con quella speciale per lo «Statuto».

Annunci

Altri articoli