Formigoni Il centro di Nerviano salvo con 60 milioni Sarà ricapitalizzato

Il centro di ricerca di Nerviano è salvo. Lo ha annunciato il presidente della Regione Roberto Formigoni. La congregazione Figli dell’Immacolata Concezione ha garantito per un impegno complessivo di 60 milioni di euro per quello che è il più grande centro di ricerca italiano per lo sviluppo farmaceutico del settore oncologico. «Si conclude oggi - ha detto Formigoni - una prima importante fase della riqualificazione del Polo di ricerca di Nerviano, primo Centro per la Ricerca Oncologica in Europa, quella destinata a porre le condizioni del rilancio e dello sviluppo della Nerviano Medical Sciences Srl».
Non solo è stato scongiurato il rischio di portare i libri in Tribunale per la liquidazione della Società ma, attraverso il rilascio di garanzie adeguate da parte della proprietà oltre alla ricapitalizzazione del capitale sociale per 30 milioni di euro, è stata acquisita disponibilità di cassa per altri 30 milioni di euro. «Queste risorse - ha sottolineato il presidente Formigoni - garantiscono a Nerviano Medical Sciences lo svolgimento dell’attività per i prossimi mesi, un periodo destinato a consentire la completa riqualificazione degli assetti industriali e societari». Per conseguire questi obiettivi, spiega la Regione, è stata costituita una Newco (New Company) a cui farà capo Nerviano Medical Sciences Srl: la Newco costituisce il veicolo attraverso il quale operare la necessaria ristrutturazione organizzativa e finanziaria e individuare possibili nuovi operatori che, con l’attuale proprietà, sviluppino positivamente l’attività di ricerca.