Formigoni: «Il Coni ha tradito Milano»

«La responsabilità è del Coni». Il motivo per il quale Milano ha ritirato la propria candidatura ai Giochi Olimpici 2016 Letizia Moratti l’ha voluto chiarire anche ieri, in una lettera inviata al suo collega Walter Veltroni con la quale gli ha ribadito l’appoggio di Palazzo Marino alla candidatura romana. Schierati dalla parte del sindaco milanese pure la sezione milanese del Coni, ma soprattutto il governatore lombardo Roberto Formigoni, tra coloro che più di ogni altro avevano sostenuto la candidatura di Milano e della Lombardia per le Olimpiadi del 2016.
«Il comportamento del Coni è del tutto ingiustificato e inaccettabile» l’affondo di Formigoni, secondo il quale quanto avvenuto «è un atto di purissima discriminazione contro Milano». Per il governatore «non c’è infatti alcun motivo per scegliere ora la candidatura italiana visto che c’era tempo fino a luglio 2007».
Per il campione olimpico Luca Sacchi è forse meglio così, «perché Milano non era pronta».