Formigoni: «Ticket, decide la Regione»

Promuove il numero uno della Provincia Filippo Penati (bene il patto metropolitano per decidere sul ticket), chiede garanzie a Letizia Moratti sull’introduzione di quello che non dovrà diventare un balzello e pretende per sé un ruolo da regista. Torna a parlare di ticket d’ingresso in città il governatore Roberto Formigoni, nel giorno in cui un seminario al Pirellone presenta i lavori per una legge quadro sull’ambiente e lancia un’alleanza tra istituzioni e associazioni per battere le polveri sottili. «La Regione - le parole di Formigoni - lavorerà perché il ticket ipotizzato dal Comune sia di natura ecologica, destinato cioè al miglioramento della qualità dell’aria e venga applicato in maniera razionale e non punitiva o discriminatoria tra i diversi Comuni». Un provvedimento, dunque, che «va collocato nella logica degli interventi ambientali della Regione, indirizzati a privilegiare i mezzi pubblici rispetto a quelli privati e ad abbandonare i veicoli più inquinanti a favore di mezzi più ecologici». «La competenza in materia - sottolinea - è della Regione, i Comuni devono inserire i provvedimenti nella logica regionale, in maniera raccordata e concordata».