La Fortezza raggiunge accordo con il colosso Leroy-Merlin

Il Gruppo La Fortezza, primo assoluto a livello nazionale nella produzione di attrezzature e arredamento per grandi superfici commerciali (turnover 2008: 130 milioni), combatte la crisi a suon di commesse milionarie con i più importanti player della grande distribuzione. È di questi giorni la firma sull'accordo con il colosso del brico Leroy-Merlin, realtà leader di settore in Europa con un fatturato da 5,6 miliardi, che ha scelto La Fortezza quale suo fornitore ufficiale. Questo primo contratto vale 20 milioni di euro. Attualmente i punti vendita Leroy Merlin sono 268, ma la catena è in fortissima espansione in tutta Italia ed Europa, con propaggini perfino in Cina.
Ulteriori importanti commesse sono arrivate allo stabilimento che La Fortezza ha aperto lo scorso anno in Russia con un investimento di 15 milioni, ed oggi arrivato alla piena produttività. I big della Grande Distribuzione Organizzata - tra cui Metro e Auchan - hanno richiesto al Gruppo tosco-emiliano allestimenti per i loro poli commerciali nell'Europa dell'Est per altri 10 milioni di euro. Commenta l'amministratore delegato Glauco Frascaroli: «I fatti ci stanno dimostrando che insediarsi in terra russa è stato una mossa vincente per operare con successo in quel mercato, evitando i problemi degli alti costi di dogana e trasporto e quelli logistici, particolarmente gravi nella stagione invernale».
Il tempo sta dando ragione a Frascaroli anche su un altro fronte: nel febbraio 2007 La Fortezza ha rilevato dal gruppo Epta, per oltre 17 milioni, la francese Alser, storica azienda del mobilier che stava attraversando una fase di seria difficoltà. Oggi, attuato il previsto piano di rilancio, Alser è tornata finalmente in pareggio con un Ebitda positivo. «La nostra strategia è quella di avere sempre una presenza attiva al seguito del cliente - spiega l'ad. - Di qui la scelta di sbarcare in Francia, terra per eccellenza della GD». Una scelta lungimirante: secondo i calcoli del management, la Alser potrebbe generare un fatturato di 70 milioni di euro entro il prossimo triennio.
Il gruppo La Fortezza ha stabilimenti anche a Scarperia (FI), Pianoro (BO), Forlimpopoli (FC) e Luogosano (AV), nonché in Argentina e in Malesia, dove operano complessivamente oltre 650 dipendenti. «La crisi si sente - dice Glauco Frascaroli. - I fatturati sono scesi ai livelli del 2003. Tutti saremo costretti a ristrutturare le nostre aziende per trovare l'utile in un fatturato più basso. Ma per noi che abbiamo poli produttivi in tutto il mondo, la riorganizzazione sarà più semplice e indolore. Inoltre, mentre il settore perde fino al 40%, il nostro gruppo, grazie anche ai nuovi accordi con i colossi della grande distribuzione e alle mosse oculate effettuate in passato, sta riuscendo ad avere un calo di fatturato solo del 15%, e potrebbe chiudere il 2009 a quota 110 milioni».