Fortugno jr fa il pieno in ateneo

È fuori sede, a chilometri da casa. Eppure è il primo eletto tra i rappresentanti nel Senato Accademico dell’Università di Tor Vergata a Roma. È Giuseppe Fortugno, figlio del vicepresidente del Consiglio regionale calabrese assassinato a Locri nel 2005. Una seconda affermazione familiare, dopo che la madre Maria Grazia Laganà era stata confermata alle ultime politiche. Giuseppe, che frequenta Medicina e Chirurgia, ha doppiato il principale sfidante e ha sfiorato i 1.300 voti, risultato elettorale mai raggiunto nella storia dell’ateneo. Il 25enne, che con il suo gruppo porta 40 consiglieri su 92 eletti in tutte le facoltà, si è detto «al servizio degli studenti, in particolare di quelli calabresi».