Forza e agilità nella danza degli schiavi

Nata come lotta dissimulata nella danza, la Capoeira ha origine probabilmente tra le tribù dell’Africa nera. La sua massima diffusione si ha però durante il periodo coloniale in Brasile, dopo le deportazioni degli schiavi africani. Il samba e le musiche vennero inseriti dagli schiavi per mascherare la loro reale intenzione, vale a dire la lotta per la libertà. La Capoeira è particolarmente incentrata sulla forza e l'agilità delle gambe che vengono «lanciate» e fatte roteare nell'aria su un ritmo scandito dalle percussioni e dal birimbao, strumento a corde tipicamnte associato a questa lotta. L'abbigliamento del capoeirista è caratterizzato dal colore bianco e si compone semplicemente di maglietta e pantaloni, ma molti lottatori optano per il torso nudo.